de fr it
Menu

Domande frequenti

Fondamentalmente, i preparati alcolici (gocce) dovrebbero essere conservati fuori dalla portata dei bambini. I bambini piccoli sono curiosi e non sempre l'alcol li intimorisce.

Le direttive per le gocce Similasan sono: i bambini dai 2 anni in poi possono prendere 5 gocce diluite in acqua (leggere le istruzioni per l'uso). Per gli spray aggiungere 2 spruzzi in un po' d'acqua e somministrare. Le quantità d'alcol così ingerite sono inferiori a quelle assunte dai bambini con vari alimenti naturali. I succhi di frutti pastorizzati hanno un tenore d'alcol pari a 1.2 vol%, una banana matura 4 vol% e un ananas maturo perfino12 vol%.

Per i bambini consigliamo tuttavia, per quanto possibile, i farmaci senza alcol. Similasan offre globuli o compresse per tutti gli ambiti d'applicazione previsti per i bambini.

No. Il dosaggio dei medicamenti omeopatici non ha analogie con quello dei farmaci chimici. Nell'omeopatia, per l'efficacia non è determinante il numero di globuli o di gocce per dose, bensì il contatto del relativo rimedio con l'organismo. Tale contatto trasmette al corpo un impulso che stimola la forza di autoguarigione.

Riassumendo: l'assunzione di cinque, sette, nove o più globuli per dose non incide sull'azione del rimedio. È invece fondamentale la frequenza di somministrazione del rimedio omeopatico: quanto più spesso prendete un farmaco omeopatico, tanto più intensa sarà la stimolazione dell'organismo all'autoguarigione.

Non è quindi necessario contare con meticolosa acribia il numero delle gocce o dei globuli da assumere.

In base alle nostre conoscenze, la natura dell'impulso (stimolo) immateriale di un rimedio omeopatico non può essere modificata da prodotti materiali quali farmaci di sintesi (chimici), antibiotici, prodotti chimici per il trattamento delle piante e conservanti. L'impulso omeopatico raggiunge l'organismo e adempie al suo scopo anche in presenza di sostanze chimiche estranee al corpo. Ciò è confermato tra l'altro dai successi conseguiti dai trattamenti omeopatici dell'asma in associazione alla terapia al cortisone.

I medicamenti omeopatici possono quindi essere somministrati contestualmente ai farmaci di sintesi senza per questo perdere la propria efficacia. Si raccomanda tuttavia di richiedere il parere del medico

La persona che assume i globuli può senz'altro prenderli in mano o toccarli con le dita. L'esperienza dimostra che ciò non influisce sull'efficacia dei globuli.

Anche ai bambini i globuli possono essere versati sul palmo della mano. Per evitare che i globuli scivolino via, il bambino può inumidire il palmo della mano con la lingua e portarli poi così facilmente alla bocca.

È errata la supposizione che l'impregnazione dei globuli con il principio omeopatico si limiti alla superficie degli stessi. La soluzione alcolica contenente il principio attivo viene assorbita dai globuli e penetra in profondità. Di conseguenza non sussiste il pericolo che il principio attivo possa essere asportato al contatto con le mani.

Toccare i globuli è problematico solo dal punto di vista igienico. Soprattutto non si dovrebbero rimettere nel flaconcino i globuli eccedenti. L'umidità sempre presente sulle mani potrebbe far appiccicare i globuli. Anche i microrganismi potrebbero trasferirsi sui globuli e proliferare sulla superficie inumidita.

I preparati omologati dalle autorità competenti in materia di medicamenti devono essere contrassegnati con una data di scadenza («Exp.» mese, anno). La conservabilità degli omeopatici e molto variabile e dipende prioritariamente dalla conservabilità della sostanza veicolate (alcol, acqua, base per pomate ecc.), nonché dall'uso e dalla conservazione corretta dei preparati.

Attenetevi alla data di scadenza e alle indicazioni per la conservazione e per l'uso.

Die Behauptung, dass homöopathische Heilmittel durch Kontakt mit Metallen die Wirkung verlieren würden, hat sich in unserer Praxis nicht bestätigt. Die Verwendung eines Metalllöffels ist also erlaubt, auch Amalgamfüllungen oder andere Metalle im Mund verhindern die Wirkung nicht.

No, a seconda del fabbricante i globuli possono contenere zucchero (saccarosio) o una miscela di zucchero e zucchero del latte (lattosio). Tutti i globuli Similasan sono privi di zucchero e non intaccano i denti. Contengono l'edulcorante xylitolo e carbonato di calcio.